Oggi tratteremo nel dettaglio il Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Farmaceutiche. Anzitutto va detto che la Classe di Laurea di riferimento è L-29 e che parliamo di un percorso dalla durata triennale (prevede un totale di 180 CFU da totalizzare per conseguire la prova finale).

Accesso libero o programmato

Per prendere parte a questo Corso di Laurea non è sempre obbligatorio sostenere un test d’ammissione; la scelta, infatti, varia in base ai diversi Atenei, che decideranno autonomamente dunque se vincolare l’iscrizione ad una prova d’ingresso o meno.

Piano di studi a Scienze e Tecnologie Farmaceutiche

Quali sono le competenze che un laureato in Scienze e Tecnologie Farmaceutiche deve possedere? Quali saranno gli esami da sostenere? Chiaramente le materie d’esame verteranno su argomenti di carattere scientifico: Fisica, Chimica, Biochimica, Biologia e Anatomia saranno le discipline principali! Tuttavia, prima della prova finale, lo studente dovrà conseguire anche degli esami a scelta: clicca qui per saperne di più sull’argomento.

Ad ogni modo, a discrezione degli Atenei, vi è spesso la possibilità di intraprendere uno specifico ramo del Corso di Laurea: ad esempio, si può scegliere l’indirizzo di Tecniche Erboristiche o Tossicologia Ambientale.

Sbocchi occupazionali

Ti starai chiedendo adesso: ma, dopo gli studi, cosa fa nello specifico un laureato in Scienze e Tecnologie Farmaceutiche? Noi di Uniperte ti elencheremo alcuni sbocchi professionali possibili dopo questo Corso di Laurea:

  • Informatore Scientifico: è colui che informa i medici sui farmaci, illustrando loro ogni aspetto di essi (come gli effetti collaterali o le azioni)
  • Erborista: in campo farmaceutico-aziendale, si occupa della coltivazione delle piante medicinali e aromatiche, ne segue la produzione, occupandosi della loro crescita, della coltura, analizzandole e scoprendone i principi attivi
  • Tossicologo Ambientale: è lo specialista che si occupa dello studio delle sostanze chimiche potenzialmente tossiche, eventualmente pericolose per la natura e per l’uomo
  • Tecnico specializzato nell’alimentazione dietetica: per maggiori informazioni, vi rimandiamo qui!
  • Tecnico di controllo di un farmaco: fa luce sulla qualità del farmaco stesso
  • Cosmetologo: per scoprire tutte le caratteristiche di questa figura, leggi il prossimo paragrafo!

Cosmetologia

La passione per i cosmetici è molto comune attualmente, ma sapevi che dietro ai prodotti di bellezza c’è un mondo di studio e conoscenze da apprendere? Ora parliamo della Cosmetologia, ma come si diventa Cosmetologo? E soprattutto, che cosa fa un Cosmetologo nello specifico? Rispondiamo subito a queste domande!

Prima di tutto occorre essere in possesso di una delle seguenti Lauree Triennali: Farmacia, Chimica, Biologia, Ingegneria Chimica e discipline affini, come ad esempio proprio Scienze e Tecnologie Farmaceutiche! In secondo luogo è necessario conseguire una Specialistica, accompagnata infine, da un Master di secondo livello in Scienze e Tecnologie Cosmetologiche.

Gli insegnamenti affrontati saranno di carattere prevalentemente scientifico, come Dermatologia, Tricologia e molta, molta Chimica! Tuttavia, saranno accompagnati da altri esami generici di Marketing e di Gestione Aziendale.

Il Cosmetologo dunque è uno specialista e studioso di Cosmetici, con solide basi di conoscenza della Dermatologia.

Dunque, che ruoli può ricoprire un Cosmetologo nel dettaglio?

  • Formulatore di prodotti cosmetici
  • Direttore Tecnico d’azienda cosmetica
  • Responsabile del settore Ricerca e Sviluppo
  • Product Manager
  • Responsabile del controllo qualità
  • Responsabile della produzione
  • Valutatore della sicurezza
  • Consulente sulla formulazione
  • Consulente sulla corretta applicazione dei prodotti cosmetici

TAGS


Annalidia Iorio

Hai bisogno di aiuto con il tuo percorso universitario?

Prenota una consulenza

Partecipa ai nostri webinar gratuiti ideati per aiutarti nella scelta universitaria

Scoprili tutti