In questo articolo ti parleremo del nuovissimo progetto della “famiglia” Erasmus, chiamato proprio Erasmus Italiano. Sì, lo sappiamo bene, è normale che tu ora abbia un’espressione interrogativa in volto. Ma è proprio per questo che siamo qui per te.

Dunque ora mettiti comodo, che a spiegarti tutto ciò che devi sapere al riguardo ci pensiamo Noi!

Cos’è l’Erasmus Italiano

Potremmo dire che l’Erasmus Italiano è un nuovissimo esperimento che vuole creare un vero e proprio Erasmus Nazionale. Questo vuol dire che gli studenti potranno frequentare corsi in più università presenti sul nostro territorio nazionale.

In altre parole, l’Erasmus Italiano è un’attività sperimentale che prende vita tra le Università di Bergamo (UniBg) e l’Università di Reggio Calabria (UniRC). I due Atenei partner permetteranno quindi ai loro rispettivi studenti di frequentare corsi in contemporanea e far sì che il tutto sia riconosciuto all’interno del proprio percorso formativo universitario.

Questa idea è nata per colmare quelli che sono i gap formativi tra Nord e Sud della nostra adorata penisola. L’obiettivo primario di questa nuova iniziativa, infatti, è proprio garantirti un equilibrio maggiore e uno studio più produttivo, in modo da rendere il mondo universitario più accattivante, più dinamico.

A proposito di gap formativi, hai mai sentito parlare di Skill Mismatch? Se ti va, puoi approfondire l’argomento leggendo il nostro articolo!


Quando comincerà

La buona notizia è che questo nuovissimo progetto non ha bisogno di nuovi interventi per essere meglio definito, quindi, se tutto procederà secondo i piani, potrebbe cominciare già dall’anno accademico 2023-24.

A cosa serve l’Erasmus Italiano

Ora passiamo al pezzo forte dell’articolo. In questo paragrafo ti illustreremo nel dettaglio il perché scegliere l’Erasmus Italiano possa aiutarti non poco nel tuo percorso universitario.

Oltre al vantaggio forse più intuibile di qualsiasi Erasmus, e cioè la crescita culturale che potrai sperimentare partendo per l’Erasmus italiano, ci sono altri vantaggi di cui potrai godere. 

Stando alle parole della nostra Ministra dell’Università, Anna Maria Bernini, il Progetto Erasmus Italiano permetterà ai giovani di spostarsi tra i vari atenei italiani. Questo creerà nuove figure accademiche, migliorando le competenze richieste dal sempre più evoluto mondo del lavoro. Si valorizzerà quindi il cosiddetto “Made in Italy”.

Seguire corsi in due atenei italiani, infatti, può essere una vera e propria carta vincente per arricchire anche il proprio Curriculum, sfoggiando un bagaglio culturale più ricco e accattivante.

Come sempre, se vuoi sapere come creare il tuo CV alla perfezione, leggi il nostro articolo sul Curriculum Accademico.

Come verrà attuato l’Erasmus Italiano

Infine, per attuare il nuovo Progetto Erasmus Italiano i diversi atenei dovranno prima di tutto mettersi d’accordo e creare un modo per convalidare e formalizzare i diversi crediti ottenuti nelle diverse sedi. 

Inoltre almeno per il momento, il progetto è previsto per le sole Lauree Magistrali: nello specifico, parliamo delle Magistrali in Ingegneria e le Magistrali in Formazione Primaria. Ovviamente, in futuro il progetto abbraccerà anche altre aree di competenza!

Con questo articolo speriamo di averti illuminato sulla questione Erasmus Italiano, e nel caso qualcosa non ti fosse ancora chiaro, non esitare a contattarci.

TAGS


Michele Nisita

Sono Michele, ho 28 anni e studio lingue straniere a Napoli. Per la precisione studio giapponese e inglese. Sono un amante delle lingue, anche quelle artificiali; sono infatti un esperantista e, tra le altre cose, ho inventato una lingua artificiale tutta mia. Ho un milione di passioni, che vanno dai viaggi alla musica, passando per la cucina e il mistero. Sto studiando per lavorare nel mondo delle Risorse Umane, e il mio obiettivo è fare carriera in tale settore

Hai bisogno di aiuto con il tuo percorso universitario?

Prenota una consulenza