Ehi tu! Si, proprio a te stiamo parlando. Allaccia le cinture, perché l’articolo che stai per leggere illustra nei dettagli in cosa consiste il Programma Erasmus.

Erasmus: significato

Partiamo dall’origine del suo nome: “Erasmus” deriva dal teologo olandese Erasmo da Rotterdam, il quale viaggiò per diversi anni incontrando culture diverse. “Erasmus” è l’acronimo di “EuRopean Community Action Scheme for the Mobility of University Students”. La sua istituzione si fa risalire al mese di giugno del 1987.

Programma Erasmus: come funziona

Il Programma Erasmus è un periodo di studio, riconosciuto legalmente dal proprio Ateneo di appartenenza; è la possibilità, che viene concessa agli studenti universitari, di viaggiare e vivere un’altra realtà in uno dei paesi dell’UE. 

Oltre allo studio all’estero, è possibile anche effettuare il tirocinio per un periodo che va dai 3 ai 12 mesi.

Il Progetto Erasmus Plus apre la mobilità per Placement anche agli studenti neo-laureati (entro 12 mesi dal conseguimento della laurea).

Come fare il Programma Erasmus

Ti starai chiedendo: chiunque può fare il Programma Erasmus ogni volta che vuole? La risposta è “no”. Questo perché i posti sono messi a concorso, non sono infiniti. Il bando pubblico viene divulgato anche attraverso il sito internet dell’università di appartenenza. Allo studente interessato basterà proporre la candidatura, la quale sarà valutata da un’apposita commissione. Entro un mese, circa, è poi stilata una graduatoria ed entro l’anno seguente lo studente potrà partire nel semestre da lui scelto. Durante i mesi di Erasmus, lo studente può conseguire gli esami presso l’università ospitante, convalidandoli poi anche presso l’università del proprio paese.

Cosa succede se uno studente è escluso dalle graduatorie? Non è detta l’ultima parola! Esiste una possibilità di ripescaggio per le destinazioni per le quali nessuno ha fatto richiesta.

Requisiti per il Programma Erasmus

Per quanto concerne le graduatorie del Progetto Erasmus, vediamo adesso quali sono i requisiti per essere ammessi. Ricorda che ogni Ateneo ne ha di propri, dunque dai sempre un’occhiata al bando specifico.

In primis bisogna essere iscritti regolarmente ai Corsi di Laurea, che siano Triennali o Magistrali, a Master, Scuole di Specializzazione oppure Corsi di Dottorato e di ricerca. 

Anche la lettera motivazionale può essere oggetto di valutazione, e dunque deve essere scritta al meglio.

Non sai come scrivere una lettera motivazionale? Ti consigliamo di dare un’occhio alla nostra guida su come scrivere una lettera motivazionale.

Essendo un viaggio in un altro paese, occorrono anche competenze linguistiche sufficienti del paese ospitante. A tal proposito, ti segnaliamo il Sostegno linguistico online (OLS): creato per aiutare i partecipanti all’Erasmus+ (o anche noto come Erasmus Plus) e al Corpo Europeo di Solidarietà, il suo scopo è migliorare la conoscenza della lingua nella quale lavorerai, studierai o farai attività di volontariato. Il Corso avviene prima e durante il loro soggiorno all’estero, per garantire una migliore mobilità volta all’apprendimento. Se hai una buona conoscenza della lingua utilizzata nell’Ateneo estero di riferimento, salirai subito in graduatoria!

Infine, anche media e numero di CFU ottenuti prima della domanda possono svolgere un ruolo fondamentale per la selezione.

Quando ci si può iscrivere ad un Erasmus

I bandi di selezione del Progetto Erasmus escono l’anno accademico precedente in vista di quello successivo.

Devi sapere che non è detto che tu debba aspettare di essere iscritto all’università per vivere un’esperienza Erasmus. Esiste una tipologia di Erasmus chiamata Erasmus Young, ovvero un Programma Erasmus che permette anche agli studenti del quinto anno della Scuola Secondaria di II grado di iscriversi ai bandi Erasmus. Fantastico no?

Vuoi saperne di più? Anche stavolta Uniperte ha la risposta al caso tuo. Fai un salto sul nostro articolo dedicato esclusivamente agli Erasmus Young.

Programma Erasmus: borsa di studio e costi

Devi sapere che è l’Università che si occupa di pagare le tasse di iscrizione per il Programma Erasmus. In base al costo della vita del Paese scelto e al periodo di soggiorno, la Commissione Europea eroga ogni anno dei contributi. Nelle borse di studio di mobilità studentesca, quelle dedicate al Programma Erasmus, rientra anche un contributo mensile per le spese quotidiane.

Attenzione: la borsa di studio per il Programma Erasmus è incompatibile con altre borse, non puoi beneficiare di altre borse di studio Erasmus o comunque finanziate dall’Unione Europea.

Programma Erasmus: quanto dura

Se ti stai chiedendo quanto dura l’Erasmus, la risposta è “dipende”. Infatti, un Programma Erasmus può andare dai 2 o 3 mesi fino ai 12 mesi. 

Quanti esami si possono dare durante un Erasmus

Non c’è un numero massimo di esami che si possono sostenere, dunque puoi farne quanti ne vuoi. Tuttavia c’è un numero minimo di CFU da ottenere, e questo numero varia in base a quanto tempo rimarrai all’estero. Se non dovessi raggiungere la soglia prestabilita, dovrai ahimè restituire l’intera borsa di studio. Dunque non fare solo baldoria!

Erasmus: come funziona l’alloggio

Scelta la destinazione, è importante pensare al più presto a dove potrai alloggiare. È infatti a cura dello studente la ricerca di un alloggio, dopo essere risultato vincitore del contributo Erasmus. Cosa fare a tal punto, quindi? Sicuramente si dovranno contattare gli Uffici competenti dell’Università straniera. Molte di queste infatti offrono alloggi riservati proprio agli studenti Erasmus; è indispensabile rispettare i termini stabiliti dalle Università ospitanti: risulta essere questo l’unico modo per garantirsi il diritto a ricevere l’alloggio. 

Gli Atenei di grosse dimensioni non sempre offrono agli studenti Erasmus una sistemazione per tutto il periodo di soggiorno.

Se sei alla ricerca di un alloggio per il tuo Erasmus e non sai da dove partire, non temere! Abbiamo l’articolo che fa per te: dai un’occhiata a Erasmus: come funziona l’alloggio, la guida completa.

Rifiutare l’Erasmus

Cosa succede se, nonostante tu sia in graduatoria, scegli di non partecipare più all’Erasmus universitario? La prima cosa da fare è comunicare la rinuncia, in tal modo la tua borsa di studio verrà assegnata a chi segue in graduatoria. Inoltre, la rinuncia deve essere scritta e supportata da documenti che motivino la scelta. Ciò si può fare nel caso in cui la rinuncia avviene per forze maggiori. Se i motivi non sono validi, o se non lo comunichi, perderai il diritto di proporre nuovamente la domanda di Erasmus.

Ti segnaliamo inoltre che, con il Programma Erasmus+, lo studente può vivere questa esperienza più volte. Il massimo corrisponde a 12 mesi per ogni ciclo di studi. Ciò è indipendente dal numero e dal tipo di mobilità, che sia per studio o per tirocinio. Se sei iscritto ad un Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico, il numero massimo di mesi è 24.

Dove si può svolgere il Programma Erasmus

Ti farà piacere che le destinazioni sono numerose, per un totale di seicento università. Queste ultime si trovano nei:

  • 27 Stati membri dell’Unione Europea: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria;
  • 3 paesi dello Spazio Economico Europeo: Islanda, Liechtenstein e Norvegia;
  • nei paesi candidati all’adesione: Turchia, l’ex Repubblica Iugoslava di Macedonia;
  • in alcuni paesi extra UE partecipanti al Programma Erasmus+;
  • Regno Unito che, pur non essendo più Stato membro dell’Unione Europea, continua a partecipare all’attuale Programma Erasmus+ 2014/2020.

Vuoi fare l’Erasmus ma non nell’UE? Abbiamo la soluzione anche a questo. Visita i nostri articoli dedicati all’Overseas Erasmus e all’Erasmus Mundus.

L’elenco completo delle Università partner dove svolgere i diversi tipi di Erasmus come anche l’Erasmus Overseas viene aggiornato ogni anno, e pertanto sarà disponibile esclusivamente al momento in cui viene pubblicato il bando.

Cosa valutare prima di partire per un Programma Erasmus

Il nostro consiglio principale è che prima di partire tu abbia la premura di controllare il piano di studi.

Visita il sito internet dell’Università in cui stai andando a studiare, per verificare quali lezioni seguire durante il semestre che hai scelto di dedicare all’Erasmus.

Come funziona il riconoscimento accademico

Il piano di studio, che prende il nome di Learning Agreement, tiene conto delle discipline che studierai durante il periodo di fruizione della borsa di studio. Nel Learning Agreement sono stabiliti anche quali esami si sosterranno durante il periodo all’estero, i corsi che potrai frequentare, il numero di CFU e gli esami che si andranno a sostituire con quelli dell’università ospitante.

Se vuoi approfondire questo argomento, abbiamo un intero articolo dedicato ai Learning Agreement

Cosa sono gli ECTS

Il pieno riconoscimento degli esami viene garantito per quelli certificati tramite Transcript of Records – documento che attesta l’avvenuto svolgimento degli esami e l’ottenimento dei relativi crediti – e presenti nel Learning Agreement. I crediti in Erasmus sono chiamati ECTS. Gli ECTS (European Credit Transfer System) sono un sistema di accreditamento a livello Europeo per definire il quantitativo di lavoro svolto dallo studente.

Vuoi scoprire come funziona il passaggio degli ECTS in CFU? Fai un salto sul nostro articolo dedicato a cosa sono gli ECTS.

Per stabilire la votazione dell’esame si fa riferimento al voto riportato sul Transcript of Records che verrà tradotto utilizzando un’apposita tabella della conversione voti. 

Se vuoi scrivere la tesi mentre sei in Erasmus, sappi che si può! Vuoi saperne di più? Vieni a scoprirlo nel nostro articolo dedicato alla scrittura della tesi all’estero.

Con questo articolo speriamo di averti aiutato a sciogliere tutti i tuoi dubbi. Se dovessi avere altre domande o perplessità, puoi chiedere l’aiuto dei nostri consulenti prenotando una consulenza sul nostro sito. Saranno lieti di chiarire ogni tua incertezza. 

Ti aspettiamo!

TAGS


Ornella Russo

Hai bisogno di aiuto con il tuo percorso universitario?

Prenota una consulenza