Il più grande incubo dell’aspirante medico è indubbiamente il test d’ingresso. Se l’anno scorso abbiamo conosciuto il Tolc-Med, oggi è già il momento di dimenticarlo. Infatti, dopo quanto successo con il TAR, il test è cambiato nuovamente e ricorda quello di due anni fa, ma ci sono comunque alcune novità! E allora, come funziona il Test Medicina 2024? Quando e come iscriversi? Come si articola il test? Come ci si prepara? Sarà più facile entrare?

Vediamo di rispondere ad ogni dubbio sul  test d’ingresso a Medicina e Odontoiatria 2024!

Cos’è il Test di Medicina

Il Test di Medicina e Odontoiatria è il test di ammissione ai corsi di Laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia e in Odontoiatria e protesi dentaria.

Questo test si tiene due volte all’anno e vi si può partecipare più volte a partire dal quinto anno delle scuole superiori. In una data stabilita dal Ministero, poi, si deve indicare il punteggio più alto conseguito per essere inseriti in una graduatoria.

Per saperne di più sui Corsi di Laurea, invece, leggi i nostri articoli sulle Lauree in Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e protesi dentaria.

Quando e dove si svolge il Test Medicina 2024

Il Test Medicina 2024 si svolgerà due volte contemporaneamente in tutta Italia, il 28 maggio e il 30 luglio.

Il Test si terrà in presenza e cartaceo presso la sede scelta durante l’iscrizione alla prova. Potrai sostenerlo in un qualsiasi ateneo, anche se diverso da quello della futura immatricolazione.

Come iscriversi al Test Medicina 2024

Per partecipare al Test di medicna 2024 dovrai iscriverti tramite la piattaforma web di Universitaly.

Su questo sito dovrai creare un account, selezionare il Test di Medicina e Odontoiatria e scegliere la sede e la data per lo svolgimento del test. A questo punto dovrai pagare con le modalità indicate dal sito.

Chi può partecipare al test di medicina

Al test medicina 2024 possono partecipare tutti gli studenti dell’ultimo anno delle superiori o già diplomati. Infatti, differentemente da quanto previsto per il TOLC-Med, gli studenti del quarto anno non potranno prendere parte al test.

Come è strutturato il Test di Medicina

Le prove dureranno 100 minuti nel corso dei quali i candidati dovranno rispondere a 60 quesiti così divisi:

  • Competenze di lettura e conoscenze acquisite negli studi: 4 quesiti;
  • Ragionamento logico e problemi: 5 quesiti;
  • Biologia: 23 quesiti;
  • Chimica: 15 quesiti;
  • Fisica e matematica: 13 quesiti.

Ad ogni quesito l’aspirante medico o odontoiatra dovrà rispondere indicando una fra le opzioni proposte.

La risposta non data vale zero punti, la risposta corretta aggiunge 1,5 punti, mentre la risposta errata toglie 0.4 punti.

Questo vuol dire che se sei indeciso fra due risposte ti conviene riflettere e se riesci indicarne una, se invece non sai proprio quale scegliere ti conviene non rispondere. Bisogna però valutare bene anche il numero di risposte che si lasciano in bianco.

Qual è il punteggio minimo per entrare?

Diffida di chi risponde a questa domanda con un numero! Quello che è stabilito è il numero di posti a disposizione e non il punteggio minimo per entrare a medicina. Questo vuol dire che se i candidati faranno punteggi molto alti il punteggio minimo per entrare sarà più alto e viceversa.

Generalmente il punteggio per entrare a medicina e chirurgia è più alto di quello per odontoiatria e protesi dentaria perché le richieste sono più numerose.

Qual è la probabilità di entrare a medicina?

Basandosi sulle richieste di partecipazione degli ultimi anni rispetto al numero di posti a disposizione, più o meno uno studente su cinque riesce ed avere un posto per diventare medico od odontoiatra.

Per l’anno 2020/21, ad esempio, su circa 13 mila posti disponibili, circa 66 mila studenti tentarono il test. Per quest’anno il numero di posti a disposizione dovrebbe essere più alto, circa 20 mila e quindi la probabilità di entrare un po’ più alta.

La graduatoria nazionale del Test Medicina 2024

Una volta sostenuti i test potrai scegliere il punteggio migliore tra quelli conseguiti per inserirti nella graduatoria. A questo punto dovrai indicare, in ordine di preferenza, le sedi in cui vorresti studiare Medicina o Odontoiatria.

Per comprendere come funziona la graduatoria nazionale e come scegliere l’ordine delle sedi leggi il nostro articolo sulle graduatorie medicina!

Come prepararsi al meglio per il Test Medicina 2024

Capito come funziona ora ci chiediamo, come prepararsi al test di medicina al meglio?

I tempi di preparazione

I tempi necessari per essere pronti ad affrontare il test variano molto da individuo ad individuo, dipendono dalle basi ricevute dalla scuola, dal modo di studiare ed apprendere ecc.

Quello che possiamo consigliare, se si hanno già le idee chiare, è di iniziare a studiare il prima possibile e di intensificare poi lo studio durante il quinto anno.

Con questo non vogliamo dire che sia impossibile prepararsi in meno tempo, dipende tutto da te.

Come studiare per il Test di Medicina

I programmi sui quali verterà il test sono indicati sul sito del Ministero dell’Università nel bando del test medicina 2024.

Le nozioni da sapere, soprattutto per chimica e biologia sono tante. Perciò è indubbio che serva molto studio, ma purtroppo la sola conoscenza della teoria non basta!

Quello che è davvero importante è fare tantissime simulazioni. Si possono fare test per argomento o vere e proprie simulazioni della prova.

Per superare questo concorso bisogna imparare a fare i “test a crocette” e solo con tanta pratica vi si può riuscire.

Se farai tante esercitazioni, quando sosterrai il test ti sembrerà di fare l’ennesima simulazione ed anche l’ansia sarà sotto controllo.

Come esercitarsi per il Test di medicina 2024

Il Ministero mette a disposizione dei candidati, 20 giorni prima di ogni sessione, un database con circa 3500 quesiti, dai quali verranno estratti quelli delle prove.

Quindi ci sarà una vera e propria banca dati Test medicina di quesiti per potersi esercitare.

Bisogna necessariamente seguire un corso?

Assolutamente no! Puoi tranquillamente studiare preparandoti autonomamente.

Certamente un corso può aiutarti, sia per la costanza che questo richiede sia perché ti fornirà specificamente le conoscenze utili per il test ed anche molte simulazioni. Ma se hai saldo l’obiettivo puoi riuscirci anche da solo.

Cosa fare se non entro a medicina 

Beh, questa è una domanda molto personale. Se davvero il tuo sogno è indossare il camice bianco puoi perseverare nell’obiettivo.

Hai principalmente due scelte:

Puoi frequentare un corso di studi affine che possa consentirti di convalidare più esami possibili e allo stesso tempo di studiare le discipline del test (come biotecnologie per la salute, biologia, farmacia, CTF ecc.).

Inoltre, secondo l’Articolo 6 R.D. 1269/38, alcune università ti consentono di sostenere degli esami per corsi di laurea affini (ad esempio biotecnologie per medicina) il che ti consentirebbe di trovare qualche esame già sostenuto una volta entrato.

Se vuoi saperne di più, leggi il nostro articolo sull’articolo 6!

Oppure puoi dedicare l’intero anno alla preparazione per il test d’ingresso.

Ancora una volta, la scelta dipende dal carattere e dall’individualità di ognuno. A nostro avviso, sebbene si “perda” un anno, può essere molto utile investire il tempo nella sola preparazione del test, perché, come già specificato, non sono solo le nozioni che ti consentiranno di entrare, ma tanto tanto esercizio mirato.

Test medicina università private

Tutto quanto appena detto vale per le Università pubbliche. I vari Atenei privati organizzano autonomamente i propri test medicina secondo regole e modalità differenti.

Sebbene partecipare ai vari test preveda una quota di iscrizione, consigliamo di prendere parte anche a qualche test delle Università Private per avere la possibilità di provare l’esperienza del test e tenere a bada gli effetti dell’ansia.

Con il nuovo test è più facile entrare a medicina?

Ribadiamo che ciò che rende “difficile” l’ingresso a medicina e odontoiatria, non è il test in sé, ma il numero di posti nettamente inferiore rispetto a quelli dei partecipanti. Poter provare più volte il Test per l’accesso a medicina e il fatto che i quesiti saranno, come già per l’anno scorso, più vicini a quanto studiato a scuola, probabilmente genererà candidati più preparati. Ma in questo modo, probabilmente, tutti i punteggi saranno più alti e quindi non sarà più facile entrare.

C’è da dire che, come già spiegato, il numero di posti messi a disposizione sta aumentando di anno in anno

Vivi il test senza ansia

L’ultimo consiglio che ti vogliamo offrire è di non dare troppa importanza al Test. Se ti fai prendere dall’ansia peggiorerai solo le cose. Concentrati il più possibile, lì dove non sai rispondere alle domande cerca di riflettere sulle varie alternative proposte senza agitarti, può darsi che la risposta ti verrà in mente. E, se tutto andrà male, soprattutto alla luce delle nuove modalità, potrai ritentare la volta successiva.

TAGS


Luigi Filippo Esposito

Studente di Medicina e Chirurgia e in Uniperte articolista ed esperto dell’Area Sanitaria. Ho vissuto sulla mia pelle la difficoltà di decidere quale direzione dare alla propria vita, ed ecco perché ho scelto di far parte di
Uniperte, per aiutare gli studenti a scegliere il proprio percorso con consapevolezza e serenità.

Hai bisogno di aiuto con il tuo percorso universitario?

Prenota una consulenza

Partecipa ai nostri webinar gratuiti ideati per aiutarti nella scelta universitaria

Scoprili tutti